ATTIVITA' IN MINIERA

L'esplorazione delle miniere è ben radicata nel gruppo Explora, anche grazie alla lunga esperienza che alcuni dei soci hanno col tempo maturato con la precedente Commissione Speleologica, che a causa della scarsa presenza di grotte in Valle aveva da subito rivolto le proprie attenzioni alle tante miniere che qui si trovavano.

Le Valli di Lanzo hanno infatti avuto una lunghissima storia mineraria, che di fatto nei secoli ha fortemente contribuito al popolamento delle valli stesse, contribuendo al sostentamento della popolazione locale. 

Le maggiori coltivazioni minerarie della zona riguardavano l'estrazione del ferro (pirite e siderite), e del talco grigio, ma si è anche estratto il manganese e in quantità minore il rame e l'argento.

100_2355.jpg
100_2352.jpg

L'attività mineraria è ormai cessata da tempo nelle Valli di Lanzo e l'ultima a chiudere è stata la miniera Brunetta, nella quale l'estrazione del talco è continuata fino agli anni '60 del secolo scorso.

Ora il sito è  un museo di archeologia industriale gestito dal CAI di Lanzo, che organizza periodicamente delle visite guidate, purtroppo limitate alle sole strutture esterne, ancora arredate coi macchinari originali del tempo, in quanto il forte deterioramento delle gallerie non permette più le visite in sicurezza della miniera.

100_2338.jpg
100_2336.jpg

SPELEOLOGIA URBANA

PAGINA IN COSTRUZIONE